In News

Ci siamo!
Da questa sera presso il nostro ristorante prenderà il via Campanile Chef, la sfida ai fornelli per i cuochi cresciuti all’ombra del campanile!
La prima sfida vedrà protagonisti i cuochi dell’unità pastorale di Santa Maria Assunta di Mezzana e Santi Giacomo e Cristoforo di Colignola – che per l’occasione indosseranno i loro nuovi grembiuli blu – e quelli della parrocchia di San Giacomo Apostolo di Metato – in grembiule rosso.

Ogni sfida prevederà la preparazione di due piatti: il primo è piatto forte della squadra, il secondo una richiesta del nostro Chef Ivan Mosca.
Rosticciana alla maremmana per la squadra di Mezzana-Colignola, mentre gli chef di Metato hanno optato per la pasta al ragù bianco d’anatra.
E il piatto da inventare? Sarà comunicato alle squadre a ridosso degli incontri, per testare la loro abilità!
Ogni squadra schiererà fino ad un massimo di quattro cuochi, che dal primo pomeriggio prepareranno i piatti per tutti i commensali.
Ogni squadra è invitata a coinvolgere in questa avventura amici, parenti, colleghi, parrocchiani.
Per partecipare come commensale è richiesto un contributo individuale di 10 euro che potrà essere versato all’accoglienza e darà diritto ad assistere allo spettacolo, a consumare l’apericena con almeno tre portate e a votare i piatti.
Potranno votare, ma non pagheranno, i bambini ed i ragazzi fino a 14 anni compiuti. Una scelta per favorire la partecipazione all’evento di famiglie al completo.
Ingresso dalle 19:45, lo spettacolo comincerà alle 20.15.
La serata sarà presentata da Andrea Bernardini, Alessio Giovarruscio e Cristina Sagliocco e animata dall’attore Giacomo Lemmetti e dagli allievi della Palestra musicale di Michele Del Pecchia.

Campanile Chef, i partner del progetto

Tra i partner del progetto anche Confcommercio. Commenta Fabrizio Fontani presidente di Conflitorale Confcommercio e rappresentante del Sib: “Campanile Chef è una bella iniziativa, capace di valorizzare una parte del nostro litorale e di coinvolgere tante realtà del territorio pisano. Una iniziativa alla quale abbiamo aderito con entusiasmo e grande soddisfazione. Ci sarà da divertirsi, ne siamo sicuri!“.

Campanile Chef, gli ospiti

Le serate non saranno solo all’insegna del buon cibo! Gli ospiti delle serate parleranno di cucina, vangelo, etica, alimentazione e stile di vita. Preziosa la collaborazione con l’istituto Matteotti, partner di questo progetto. L’iniziativa è piaciuta al dirigente scolastico Giuseppe Caruso, che dice: “nelle cucine degli oratori ruotano, spesso, abili cuochi: bella l’idea di valorizzare il loro umile e discreto servizio alla comunità”.
Il prossimo mercoledì, ad esempio, il professor Massimo Salani, responsabile della Scuola di formazione teologico-pastorale e docente al Matteotti, ricostruirà una sorta di menù biblico. Il giovedì don Federico Franchi, direttore dell’ufficio catechistico, parlerà del tema “A tavola con Gesù”.   

Il voto

Il talk show si concluderà alle ore 21 quando i camerieri porteranno le pietanze ai buffet. Ogni commensale riceverà una scheda di votazione, in cui dovrà esprimere un voto sia per i piatti della squadra rossa che per quelli della squadra blu, da 1 a 5.
Ai commensali sarà chiesto anche di scegliere ed indicare il piatto migliore assaggiato durante la serata: è infatti previsto un premio anche per il piatto che avrà ricevuto in numeri assoluti il maggior numero di preferenze.
I voti in tutto saranno tre: alla squadra blu e alla squadra rossa andranno voti numerici, in fondo alla scheda si dovrà invece indicare il piatto preferito e la squadra che l’ha preparato.

Campanile Chef, le altre serate

Giovedì 16 gennaio i cuochi dell’unità pastorale di Santo Stefano Extra Moenia e Immacolata ai Passi (con i grembiuli blu di Campanile chef) faranno assaggiare ai commensali un tortino di riso su vellutata di porri e patate. Quelli di San Ranieri al Cep e di Sant’Apollinare di Barbaricina (con i grembiuli rossi) presenteranno un’amatriciana rivisitata.

Mercoledì 22 gennaio i cuochi dell’unità pastorale di Santa Maria Ausiliatrice e Santa Maria Assunta di Marina di Pisa (con grembiuli blu) prepareranno cotolette di agnello su purè di patate e salsa a sorpresa, lo staff di San Giacomo Apostolo di Agnano (in muta rossa) offrirà gnocchetti sardi alla campidanese.

Giovedì 23 gennaio i cuochi della parrocchia dei Santi Giusto e Bartolomeo di Campo (blu) ci faranno assaggiare le penne alla trota salmonata, i giovani cuochi della parrocchia universitaria di San Frediano (in rosso) prepareranno agnolotti ripieni con zucca e speck.

Ultimo incontro mercoledì 29 gennaio, quando la squadra dell’unità parrocchiale di San Giovanni al Gatano, San Paolo a Ripa d’Arno e Santa Lucia (blu) presenterà “Ma che cavolo mangiamo” (tagliatelle con cavolo nero), mentre quelli della parrocchia di Sant’Apollonia (rossi) ci faranno assaggiare i pilmeni con salsa di radicchio e speck.

Che dici, ti è venuta un po’ di acquolina in bocca? Ti aspettiamo!

Post suggeriti